domenica 14 luglio 2013

The Walking Dead

Il telefilm alla moda con laggente morta!

Quest'anno al Comicon di Napoli i fumetti da cui è tratta questa serie sono andati letteralmente a ruba, nonostante venissero offerti praticamente da ogni commerciante del settore. Non mancavano neppure i cosplay di Rick Grimes, il protagonista di questa vicenda postapocalittica.


In un'epoca contemporanea alla nostra, un brutto virus si è diffuso a macchia d'olio su tutto il pianeta, spazzando via la civiltà così come la conosciamo. Orde di nonmorti invadono strade e città, costringendo i pochi umani non contagiati ad una vita di continua sopravvivenza, fatta di fughe, scelte difficli e combattimenti continui.

Gli zombie. Un sacco di gente vede questo telefilm perchè ci sono gli zombie. Questa gente, signore e signori, non ha capito un fico secco :D
Io non ho mai visto nulla su questo genere, ne' l'argomento mi ha mai interessato particolarmente.
Leggendo di qua e di là ho intuito alcune caratteristiche di mio potenziale interesse che poi si sono felicemente manifestate durante la visione delle puntate: I non morti sono solo lo sfondo, il sottobosco del vero nucleo portante di questa serie: le persone!

Questo telefilm parla sopratutto di persone, persone sotto incredibili sollecitazioni, persone messe alle strette e costretta a venire continuamente a patti con le proprie convinzioni, la propria moralità e tutto il resto. Da subito si delineano le reazioni dei vari personaggi, tutti molto credibili. E' per me ammirevole il lavoro svolto in fase di sceneggiatura nel dipingere caratteristiche e reazioni di tutti i protagonisti della vicenda!
Pertanto, per me poteva anche esserci l'invasione dei budini alieni, per me faceva lo stesso. Questa serie merita tantissimo perchè le persone sono credibili e perchè i tanti colpi di scena che ti fanno saltare sulla sedia portano sempre a risvolti interessanti e mai banali.

Attenzione, non c'è spazio per il buonismo: se una cosa è improbabile, tale resterà, anche se sarebbe tanto bello il suo realizzarsi. (poi non venite a lamentarvi)

Un principio che ha qualcosa in comune con Game of Thrones, ovviamente, così come Rick ha certamente del sangue Stark che scorre nelle sue vene! (e Daryl è un Targaryen e Shane è un Lannister ... ma queste sono mie personalissime fantasie XD )

Insomma, sono nel pieni della seconda stagione e penso di proseguire ancora a lungo ... la seconda stagione dai molti è poco apprezzata "perchè ci sono pochi zombie" e "perchè non succede niente" poveri stolti! La seconda stagione è bellissima e (commercialmente) molto coraggiosa, coglie in pieno il senso del telefilm che in molti si ostinano ad ignorare!

Bene, passo e chiudo :)

2 commenti:

Strawberry ha detto...

Io avevo cominciato a vedere la prima stagione ma poi ho interrotto perché avevo altro da vedere e non ho avuto più lo stimolo di ricominciare... non mi aveva preso, anche se avevo intuito che più che gli zombie, ciò di cui lo spettatore doveva preoccuparsi erano i superstiti...
Buona visione!

Carlo De Petris ha detto...

Quando torni da Leeds mi dici quali sono le altre cose che hai da vedere? mi consiglieresti qualcosa in particolare per il futuro? :D