giovedì 26 agosto 2010

Germania 2010 - Hohenzollern

( Doverosa premessa:
vi piacciono le foto di qeusti post? Come già ho scritto in un commento, non le ho fatte io, ma la dolce Saretta! 
Brava lei :D )

Lunedì 2 agosto

Partiamo di buon'ora dalla nostra camera a Tubinga per dirigerci qualche chilometro più a sud. Con un trenino arriviamo nella piccola Hechingen, paesello mezzo abbandonato a se stesso, la cui nostra presenza è dovuta al fatto che quella è la base per chi vuole raggiungere con i mezzi pubblici la fortezza di Hohenzollern.

Preso un bus dalla stazione di Hechingen, arriviamo pian pianino ai piedi della collina sulla cui sommità spiccano fin da lontano i lineamenti del nostro obiettivo del giorno:


Hohenzollern
Image and video hosting by TinyPic

A partire dalla fermata del bus ci sono due possibilità: navetta oppure percorso a piedi nel bosco: una scelta fin troppo facile per noi, che allegramente iniziamo ad inerpicarci per la stradina pedonale, circondata dal verde delle piante e degli alberi :D

Arrivati su in cima e comprati i nostri biglietti all inclusive finalmente entriamo, o meglio cominciamo un lungo percorso che poi ci porterà al vero ingresso.

La fortezza è molto ben difesa, per accedervi occorre percorrere una lunga rampa che si attociglia più e più volte su se stessa, dove di tanto in tanto ci sono portoni e ponti levatoi intermedi per rallentare eventuali aggressori, il tutto restando sotto tiro da parte dei difensori. Una vera e propria macchina infernale per chiunque in passato avesse voluto conquistare questo luogo!

Hohenzollern



Hohenzollern
[questo è solo un plastico del castello, ma rende meglio l'idea XD]

Finito il girotondo (davvero molto bello) si arriva al cortile del castello, dove si possono mirare le due cappelle (una cattolica ed una protestante) e le finestre degli interni che poco dopo visiatiamo, rigorosamente accompagnati da una guida.

Hohenzollern

La guida parla solo tedesco, ma noi siamo forniti di una comoda guida cartacea in italiano. Gli interni sono carini ed interessanti e sopratutto sono diversi da come ce li saremmo aspettati. Pur essendo lussuosi si nota che gli arredamenti e tutto il resto sono stati contemplati per essere effettivamente utili al vivere bene; non ci sono segni di opulenza fine a se stessa, di lusso messo lì solo per riempire gli occhi e l'orgoglio: ogni oggetto presente deve servire. Tanto per fare un esempio, accanto ad ogni finestra vi erano delle graziose sedute e dei semplici tavolini che certamente saranno stati utilizzate per sfruttare al massimo la luce solare, in barba ad ogni precedente modo di fare camere reali (Gli Hohenzollern sono stati molto potenti, hanno sfornato anche qualche imperatore pare).
Per preservare i pavimenti delle camere, tutti i visitatori vengono dotati di grosse babbucce extra large XD

Image and video hosting by TinyPic

Finita la visita delle stanze interne (di cui non è consentito fare foto) abbiamo passato il resto del tempo gironzolando tutto attorno alla fortezza, visitando le cappelle, piccole stanze sotterranee e una piccola raccolta di cimeli vari. 

Quello che pensiamo di questo luogo è: bellissimo! Magico! da far conoscere in giro!
L'ultima frase non è detta a caso; questo luogo, pur essendo bellissimo e tutto sommato non così tanto fuori mano (i castelli di Ludwig sono più fuorimano di questo a mio avviso) è visitato da ben poche persone. Una sorte che assolutamente non merita questo luogo che può donare scorci veramente meravigliosi

Hohenzollern
[una delle foto che potete trovare come cartolina o su internet]

Speriamo, per quello che questo posto merita, che ci siano più visite in futuro anche se, debbo ammetterlo, il fatto che non sia congestionato di turisti ululanti permette di godere ancor di più del tutto, permette una gita dai ritmi rilassati che un luogo affollato proprio non consentirebbe. Ma tant'è, o il relax o la gloria nel mondo, vedremo dove finirà questo posto che meriterebbe davvero di più.

6 commenti:

Federica ha detto...

che bello questo castello!! è davvero da cartolina!

lella ha detto...

questo non l'ho visto.
deve essere davvero interessante.
Anche il fatto che è poco battuto turiticamente, senza dubbio lo rende più affascinante.
Interessante il metodo delle babucce.
Sono favorevolissima a questo tipo di iniziative per preservare la loro integrità.
Ma quanto avete camminato?
Il fatto di dover continuamente cambiare mezzi e di essere magari vincolati dagli orari,non vi ha alla fine pesato un pò?
un abbraccio
Lella

Vittoria A. ha detto...

Ciao Carlo, che posti meravigliosi! Incantati! :)
Bellissimo post!

Carlo De Petris ha detto...

Federica
^_^

Lella
Abbiamo camminato pco, circa la metà di quanto serve per salire sul Neuschwanstein (partendo dai botteghini) :P
Gli orari ci hanno pesato solo all'andata perchè per forza di cose siamo rimasti quasi un'ora ad attendere il bus ^^''
La visita invece non ne ha risentito, in effetti c'è tutto il tempo di girare per bene tutto il castello dentro e fuori, riuscendo a tornare sempre coi bus.
Di certo con un mezzo proprio sarebbe decisamente più comodo!

Vittoria
Grazie! Continuerò quanto prima con le prossime tappe :)

Lunga ha detto...

le foto mi piacciono assai (sai che sono un'appassionata!!!) ma soprattutto adoro questi post, sembrano guide turistiche!!

Carlo De Petris ha detto...

In futuro se sarà tecnicamente possibile cercherò di farvi vedere qualche altre foto della Sara :)

Per i post ... procederanno, pian pianino (più ci si avvicina alla laurea e più sto incasinato XD )