martedì 15 febbraio 2011

Mi servirebbe un consiglio

Oggi mi ha chiamato l'azienda X per un colloquio. L'azienda X è una delle tante che avevo contattato  "a pioggia" sperando in una chiamata, in un'opportuità.

Visto che sono stato da loro contattato, oggi ho fatto accurate ricerchè in merito e purtroppo non sono uscite belle cose.

Innanzi tutto, ti prendono per un periodo formativo, di 6 mesi pieni, pagati circa 300 euro mensili per 40 ore effettive di presenza al lavoro, senza alcun diritto di nessun tipo da quanto ho appreso. La sede è in un posto poco raccomandabile di Napoli, che posso raggiungere in circa 90 minuti tramite i mezzi pubblici (non posso usare mezzi privati al momento). Alla fine dei sei mesi, la canonica promessa di un posto più o meno fisso con salario a partire da mille euro o poco più.
Ma fin qui posso capirlo, "devo imparare".

Le notizie che più mi turbano, che ho appreso tramite un forum trovato in rete (che riporta notizie riguardo l'azienda X sugli ultimi 3-4 anni), tramite lavoratori attuali oppure ex dipendenti sono le seguenti:

L'azienda X non ti assume lei direttamente, ma ti assume tramite la società satellite Y. Le testimonianze dicono che Y ogni tanto prende e va in fallimento, con le conseguenze che si possono immaginare, per poi risorgere con nuovi nomi ma sempre gli stessi timonieri. Sul web alcuni hanno pubblicato persino gli atti dei tribunali a prova di quanto affermano.

Alcuni dipendenti, dopo aver lavorato anche per anni in X (ovvero in Y) si sono accorti che malauguratamente all'INPS non era arrivato manco un euro dei loro contributi, e per far valere i loro diritti si sono imbarcati in cause legali che non sono proprio il massimo dei benefit che uno sogna di ricevere da un'azienda.
Un nepotismo spinto e l'impossibilità di avanzamenti futuri completano il quadro (sempre riportando le testimonianze che ho trovato)

La sensazione generale è quella dell'azienda che, profittando della "voglia di lavorare" di noi gggiovani, specialmente in realtà difficili come quella napoletana, ti frega in ogni modo e magari alla fine ti trovi col non avere quel per cui lavori.


Secondo voi, al colloquio almeno ci devo andare? o perdo solo tempo? Se mi prospettano per i primi 6 mesi le cose che ho trovato scritte dagli ex dipendenti, debbo aspettarmi che anche il resto (ben peggiore) si possa poi concretamente avverare?
Il colloquio è giovedì mattina.

6 commenti:

Federica ha detto...

io al colloquio ci andrei... e poi mal che vada ti fa un po' di esperienza nel curriculum e nel frattempo puoi continuare a guardarti intorno no?

Occhi di Notte ha detto...

io seguirei l'istinto, invece. Se già dall'inizio senti che non è un'azienda seria... con che spirito ti alzeresti ogni mattina, per andare in una zona pericolosa di napoli, con 90 minuti andare e 90 tornare..ogni giorno?... Si, ti fai esperienza.
ma se disprezzi l'azienda..penso sia piuttosto penalizzante iniziare così.

Lunga ha detto...

io farei il colloquio come estremo tentativo di farteli piacere, nel senso che magari il contatto diretto ocn loro può aiutarti a decidere ancora meglio, anche se già propendi per non andare. magari ti togli ogni dubbio.
ti posso dire brevemente che io quando dovevo decidere per il tirocinio ero stata chiamata per un colloquio che sulla carta era un posto stupendo ma non andai per altri motivi. volli provare a fare il colloquio mesi dopo, per togliermi lo sfizio, e.... delusione immensa! magari a te succede il contrario!!!

Lunga ha detto...

(ah dettaglio importante: una mia amica nel frattempo aveva iniziato e me ne parlava benissimo, ma io non ci trovavo veramente nulla di positivo!)

Carlo De Petris ha detto...

grazie per le risposte:
domattina vado a vedere che mi dicono e scriverò qui qualcos'altro ;)

Wilma ha detto...

Troppo tardi...Com'è andata? Facci sapere...