lunedì 15 agosto 2011

Mercoledì 3 agosto - Champes Elysèes

Con la metro raggiungiamo in un battibaleno la fermata Charles de Gaulle - Étoile‎: da qui parte la nostra marcia sui celebri Champes Elysèes.
Appena siamo al livello del manto stradale ci troviamo di fronte l'Arc de Triomphe, grande e maestoso nella sua imponenza. A fargli da cornice è tutta una piazza circolare davvero vasta, studiata a puntino per far risaltare il più possibile il protagonista della scena.


Arc de Triomphe
[questa e tutte le foto di questo post sono by Saretta ;)]

Tributate le doverose fotografie e circumnavigata la piazza, cominciamo a percorrere i marciapiedi colmi di negozi eleganti e più o meno blasonati: Cartier, Montblanc, Louis Vitton sono fra i prime che scorgiamo; a loro seguiranno tanti altri che non sto qui a descrivere.

Di alcuni negozi osserviamo soltanto le vetrine, per altri decidiamo di fare una breve visita anche all'interno. alcuni negozi sono lì più per scopi pubblicitari che commerciali, come ad esempio le concessionarie automobilistiche di Peugeot, Mercedes, Citroen, Toyota, le quali non disdegnano di mettere in bella mostra concept car futuristiche o al contrario vecchie, vecchissime vetture di notevole importanza.

Showroom Peugeot - Paris

 Showroom Mercedes - Paris

Ci sono alcuni posti da visitare che ci siamo appuntati, come ad esempio Ladurèe , storica pasticceria conosciuta sopratutto per i Macarons, una vera specialità parigina!

Ladurée - Paris



Macarons by Ladurée - Paris

Osservando per bene i banconi colmi di prelibaissimi pasticcini, scopriamo con orrore che i prezzi non sono esattamente quelli che ci auguravamo: per un macaroncino piccolo più o meno come un Baiocco ci vuole 1,60 euro, per uno di misura normale servono 4,30 euro. Dopo aver ricollocato gli occhi nelle orbite, ci consultiamo e stabiliamo più o meno che "Vabè, costeranno così tanto perchè Ladurée è un pò come il Gambrinus a Napoli, sicuramente altrove ci saranno posti altrettanto buoni dove costeranno la metà". Detto ciò, rinunciamo all'acquisto ed usciamo un pò delusi. A viaggio finito, posso purtroppo dire che abbiamo sbagliato i nostri calcoli, quindi se voi andrete a Parigi e cercherete un Macaron da assaggiare, andate pure da Ladurée senza dubbio alcuno, visto che altrove costano sempre lo stesso -.-''

Poco dopo affidiamo la nostra voglia di golosità ad un simpatico negozio di caramelle che nulla ha di parigino ma che ci fornisce un buon mezzo chilo di materiale vario a circa il prezzo di un macaron XD

Un'altra tappa che non possiamo mancare è la FNAC. Questa di Parigi non ha nulla di diverso da quelle italiane, se non per il fatto che è possibile acquistare i biglietti del Louvre, evitando così una lunghissima fila di fronte alla piramide del grande museo. In meno di 5 minuti entriamo, compriamo i biglietti ed usciamo (ovviamente senza visitare il negozio, che ce frega dei CD e dei DVD durante il viaggio?).

Una sosta inattesa la facciamo da Sephora, attirati dalle sue dimensioni bibliche; dall'ingresso si vede un corridoio praticamente senza fine; entrando si viene travolti da una zaffata di profumi che a me sinceramente stordisce addirittura!

Sephora - Paris

Il resto dei negozi scivola via regolarmente. Ci divertiamo abbastanza nel Disney Store, snobbiamo decisamente tutte le grandi marche di abbigliamento. Pian piano i negozi lasciano il campo a dei giardinetti pubblici. Alla fine confluiamo in Place de la Concorde, vero punto di riferimento per i nostri spostamenti parigini. Arriviamo giusto in tempo per goderci uno splendido tramonto incorniciato dall'Arc de Triomphe che ormai è lontano lontano, quasi all'orizzonte potremmo dire.


Champs Elysèes - Paris


Si conclude qui la nostra prima giornata parigina. Da Place de la Concorde prendiamo la metro e torniamo a casetta, dove ci prepariamo la cena e poi a nanna presto. I prossimi due giorni richiederanno molto impegno alle nostre gambe e alle nostre menti, meglio arrivarci freschi!

2 commenti:

Chiara ha detto...

Ladurée, che bellezza! *_*
Purtroppo so anche io che lì i macarons costicchiano un po' troppo, ma adesso che so anche che altrove il prezzo è lo stesso, beh... Sono più contenta! :-)

Pensa un po' che il negozio di Milano ha regalato ad una fashion blogger -per il suo compleanno- una torta di soli macarons, più o meno come quella che avete fotografato.
Che fortune!

Carlo De Petris ha detto...

Mi accontento delle torte e/o pastiere di mammà :)